Acqua minerale a contenuto bicarbonatocalcico, per le sue qualità organolettiche e le caratteristiche fisico-chimiche E' idonea all'impiego come bibita (cura idropinica) e particolarmente consigliabile nella patologia delle vie urinarie, specie la calcolosi renale (compresa la prevenzione delle recidive e le sue complicazioni) e nelle malattie del metabolismo, in particolare nella gotta in tutte le sue manifestazioni cliniche.

La sua azione si esplica attraverso la capacità di diluire le urine (con conseguente riduzione della concentrazione di sali litogeni e quindi della sovrasaturazione urinaria), di modificare il ph urinario e la concentrazione di inibitori della cristallizzazione. Produce inoltre un effetto meccanico con aumento della motilità ureterale e lavaggio delle vie escretrici urinarie con eliminazione di piccoli calcoli e renella.


Le cure idropiniche si collocano anche nella prevenzione secondaria in caso di recidive post-chirurgiche, asportazione di calcoli con trattamento percutaneo o per via endoscopica, litotrissia extracorporea, eliminazione spontanea dei calcoli.